NGC 281 – Nebulosa “Pacman”

La Nebulosa NGC 281 è una nebulosa a emissione visibile nella costellazione di Cassiopea, posta a circa 10.000 a.l. da noi. Circonda l’ammasso aperto IC 1590 e sono proprio le giovani stelle massicce dell’ammasso, nate all’interno della nube, ad alimentare il suo bagliore diffuso . E’ anche chiamata scherzosamente Nebulosa Pacman a causa della sua forma che ricorda il celebre videogioco.

Si individua a circa 1,5 gradi ad est della stella α Cassiopeiae. La nebulosa appare solcata nettamente da una vena scura che la attraversa in senso est-ovest; perpendicolare a questa se ne individua un’altra, rivolta verso sud: viene così a formarsi una “T” che segna profondamente tutto l’oggetto.

Le due immagini pubblicate sono state riprese in due serate differenti (24 settembre e 14 ottobre 2017); risultano in falsi colori poiché la ripresa è stata effettuata con filtri a banda stretta Ha, OIII e SII, e poi elaborata in tricromia con il metodo “Hubble palette”.

La prima elaborazione (in rosso) è stata ottenuta miscelando i canali come segue:

R = 0,8*Ha + 0.2*SII

G = OIII

R = 0,85*OIII + 0.15*Ha

La seconda elaborazione (in giallo) è stata ottenuta miscelando i canali a come segue:

R = 0.6*SII + 0,4*Ha

G = OIII*0.4 + Ha*0.3 + SII*0.3

R = OIII

Dettagli progetto

  • Autore: Danilo Caldini
  • Data: 14 ottobre 2017
  • Luogo: Goretto (PC) e Osservatorio di Lazzarello
  • Camera: CCD monocromatica Moravian G2-8300 EFW
  • Telescopio: Rifrattore ED VIXEN ED102SS (diametro 102 mm – focale 660 mm)
  • Montatura: SKYWATCHER EQ8 e NEQ6 controllata da SYN SCAN
  • Tempo: 4h 10m (Ha=12pose x 600s + OIII=7pose x 600s + SII=6pose x 600s)
  • Calibrazione Monitor

    Per una corretta calibrazione del monitor dovreste distinguere le 16 tonalità di grigio.

    Scala di grigi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su